In SalaPrimo Piano

Il primo re, il film con Alessandro Borghi arriva su Rai Play

Approda su Rai Play il film sulla leggendaria nascita di Roma

Tra i progetti cinematografici italiani più audaci degli ultimi anni, Il primo re sbarca su Rai Play. Diretto da Matteo Rovere, il film vede nel proprio cast Alessandro Borghi e Alessio Lapice, nei rispettivi ruoli di Remus e Romolo. I due fratelli, alla base del mito della nascita di Roma, sono i protagonisti assoluti nella pellicola che, per offrirsi il più storicamente attendibile possibile, è girata in protolatino. In un ambiente barbarico, il viaggio dei due fratelli arriverà a compimento quando uno dei due, secondo la leggenda, dovrà morire per mano dell’altro.

Il primo re, da oggi su Rai Play il film sulla leggendaria nascita di Roma

Spesso accusato di non rischiare abbastanza, il cinema italiano trova ne Il primo re una delle sue più grandi scommesse degli ultimi anni. Distribuito in sala a partire dal 31 gennaio 2019, il film ha adottato una strategia produttiva simile a La passione di Cristo di Mel Gibson. La scelta di girare il film in una lingua arcaica, ancora più antica del latino, si muovo proprio in questa direzione.

Andato in onda ieri sera in prima serata su Rai 4, Il primo re è da oggi disponibile in streaming su Rai Play. Il film è l’esempio lampante di un progetto che sa assumersi i propri rischi. Ciò si evince dal lavoro compiuto in sede di stesura dei dialoghi. La produzione, infatti, invece di ripiegare sul latino prettamente ecclesiastico, ha deciso di affidarsi a una lingua che, presumibilmente, era parlata in quel contesto storico. La scelta del protolatino ha richiesto un lavoro complesso, dal momento che la lingua contiene elementi del latino stesso, con un lessico ancora più arcaico, di provenienza indoeuropea.

Un duro lavoro, che tuttavia ha dato luogo a un prodotto unico nel suo genere. Ambientato indicativamente nell’ottavo secolo a.C., Il primo re segue le vicende dei due leggendari fratelli, Romolo e Remo, dopo essere divenuti schiavi, riescono a ribellarsi, fuggendo da Alba Longa. I due faranno prigioniera la sacerdotessa Satnei per ingraziarsi gli dei. Tuttavia, stando a una profezia, il destino per loro prevede cattive notizie: i fratelli dovranno scontrarsi e uno dei due dovrà morire per mano dell’altro. Colui che sopravvivrà diverrà il re di uno dei più grandi regni della storia: Roma.

Back to top button
Privacy