Sandra Oh di “Grey’s Anatomy” protagonista di “Umma”, nuovo horror di Sam Raimi

Stando alle ultime indiscrezioni, Sandra Oh ricoprirà il ruolo della protagonista in Umma, il nuovo horror prodotto da Sam Raimi. Il sito Deadline dà ormai per certa la partecipazione dell’attrice, famosa per il personaggio di Cristina Yang in Grey’s Anatomy. Ecco la sinossi del film.

Questo è un anno denso di progetti per Sam Raimi. Il regista e produttore è infatti già impegnato nella realizzazione del film Doctor Strange in the Multiverse of Madness. Tra gli altri progetti tuttavia compare Umma. L’horror ha come protagonista la vincitrice del Golden Globe Sandra Oh, ottenuto grazie a Grey’s Anatomy. Non si sa ancora molto riguardo la produzione, ma in rete già circola la trama

Sandra Oh protagonista di Umma: breve sinossi

Scritto e diretto da Iris K. Shim, che con questa pellicola debutta alla regia, il film ha come protagonista Amanda. Interpretata da Sandra Oh, la donna vive una vita tranquilla con sua figlia in una fattoria statunitense. Tuttavia, quell’indillio comincerà a cedere quando, dalla Corea, arriveranno i resti della madre di Amanda. L’evento inizierà infatti a coincidere con una serie inspiegabile di avventimenti che getteranno la donna e la sua famiglia, nel terrore. la protagonista dovrà scontrarsi poi con il suo timore più grande: quello di diventare come sua madre.

Oltre a Sandra Oh, è stato confermato anche il resto del cast. Secondo Deadline, nel film potremo vedere anche Fivel Stewart, Dermot MulroneyOdeya Rush, MeeWha Alana Lee e Tom Yi. Umma risulta inoltre il terzo film prodotto dal co-creatore de La Casa (Evil Dead), sotto la sua casa di produzione. Tramite la Raimi Productions, che sta co-producendo questo nuovo film insieme a Zainab Azizi, ha già prodotto due altre pellicole in precedenza. La prima risale al 2014 ed è il thriller comico indipendente, Murder of a Cat, mentre quella più recente è il ben più noto Crawl. Non ci resta che aspettare per sapere come sarà questa terza fatica inerpretata da Sandra Oh.

Commenti

commenti