Grey’s Anatomy 15: il dramma della malattia di Catherine Avery

Un nuovo dramma si è abbattuto su un personaggio della serie tv, Grey’s Anatomy. La dottoressa Catherine Avery è malata, ha un cancro. La scelta di mettere in scena la malattia terribile della moglie dell’ex Capo dell’ospedale di Seattle è stata lungamente meditata dalla produzione, soprattutto per un motivo. In effetti, non è la prima volta che in Grey’s Anatomy vengono affrontati temi così importanti, ricordiamo, ad esempio, la lunga e debilitante malattia che aveva colpito nelle primissime stagioni Izzie.

Il motivo della titubanza della produzione, in particolare, risulta dal fatto che il racconto drammatico è personale e chiama in causa la sceneggiatrice della serie Elisabeth Finch. La giovane scrittrice ha firmato la sceneggiatura dell’episodio basandosi sulla propria esperienza personale: la Finch si è ammalata di un cancro alle ossa molto raro quando aveva trent’anni e quando la showrunner Krista Vernoff le ha chiesto di portare il suo dramma sullo schermo non è riuscita a dirle di no.

Grey’s Anatomy: il ricordo della sceneggiatrice

La sceneggiatrice ha rivelato tutto sul suo conto a Elle.com, in cui ha dichiarato la grande difficoltà provata durante la scrittura dell’episodio 15×07, il momento in cui Catherine scopre di avere il cancro.

“l mio capo, Krista Vernoff, mi ha suggerito di usare il mio punto di vista come persona malata di cancro per scrivere una trama in cui viene diagnosticato anche a uno dei nostri amati personaggi. Ho immediatamente ripensato a nove mesi e quattro giorni prima, quando mi ero seduta in un gruppo di supporto per il cancro a cui ho partecipato (solo una volta, perché sono brava a chiedere aiuto mentre sto dicendo di no) e una donna con una sciarpa inveiva contro i suoi dottori. Il suo oncologo ha omesso di dirle che avrebbe perso i capelli, il seno o il desiderio sessuale quando hanno discusso le opzioni di trattamento. “Immagino che abbia pensato che mi fossi preoccupata di come apparivo, o di come avrei perso il mio caldo marito”, ha detto. Nessuno ha riso. Perché eravamo tutti troppo abituati ai dottori che non ci dicevano le verità che dovevamo sentire. Ero certa che Catherine Fox avrebbe dovuto essere il personaggio a cui diagnosticare il cancro – un chirurgo brillante, intelligente, sexy, di 60 anni – di fama mondiale – il cui fuoco è eguagliato solo dall’attrice che la interpreta: Debbie Allen. Volevo che a Catherine venisse diagnosticato un tumore spinale simile al mio, solo che questa volta i medici le avrebbero detto la verità. Perché lei, come il resto del mondo, non dovrebbe viverla in nessun altro modo. Così ho iniziato a delineare l’episodio con il supporto di uno straordinario staff di sceneggiatori, ma mi sono segretamente convinto che l’episodio non sarebbe mai andato in onda”.

E poi ha continuato: “Ho scritto in uno stato di frenesia di paura e dubbio, non ho riconosciuto quanto di me ho scritto nell’episodio finché non sono stata sul set, tutto ciò mi ha guardato dritto in faccia. In uno dei primi giorni di riprese, Richard Webber ha preso una mazza da baseball in un bar, urlando a un barista per predicare il recupero degli alcolizzati, e tutti hanno giustamente esultato per come fantasticamente Krista lo abbia diretto e come sia stato un attore incredibilmente perfetto. Io, invece, in modo piuttosto imbarazzante, ho iniziato a piangere mentre pensavo a quanto sia difficile per così tante persone nella mia vita lavorare per la loro sobrietà (…) quando Catherine sedeva al bar e sfidava i suoi dottori a parlare onestamente e chiaramente del cancro, quello era il grido di battaglia che tenevo dentro di me ogni dannato giorno di chemioterapia. Perché poche persone parlano davvero di cancro. Non nel modo crudo e onesto con cui le persone malate di cancro parlano tra loro. O il modo in cui abbiamo bisogno di parlarne con quelli che amiamo”.

Commenti

commenti