Cittadini del Mondo: a Roma iniziate le riprese del film di Gianni Di Gregorio

Prodotto da Bibi Film con Rai Cinema, Cittadini del Mondo è il nuovo film interpretato e diretto da Gianni Di Gregorio, attore sceneggiatore e regista che nel 2009 ha conquistato il David di Donatello nella categoria “miglior regista esordiente” per “Pranzo di Ferragosto” e, contemporaneamente, quello di “miglior sceneggiatura” per “Gomorra”. Le riprese sono iniziate nella città eterna: nel cast Ennio Fantastichini e Giorgio Colangeli.

Sono stati già battuti i primi “ciak” per Cittadini del Mondo, il nuovo film da regista, sceneggiatore e anche attore di Gianni De Gregorio. Con lui Ennio Fantastichini e Giorgio Colangeli. La storia è quella di tre uomini un po’ avanti con gli anni che decidono di trasferirsi all’estero per godersi la “terza età”. Più che l’età però, è la noia a rendere interminabili le loro giornate e a fargli venire voglia di scappare chissà dove. Già, ma dove? Perché la meta è proprio il primo scoglio da superare, la prima decisione da prendere nel caso si decidesse di realizzare il progetto di cambiare vita.

I tre sono Attilio, Giorgetto e il Professore. Sono romani, l’età giusta è settant’anni. Ognuno ha avuto una vita che li ha portati ad essere soli e senza troppi legami. Andarsene altrove, dal punto di vista emotivo, non sarebbe per loro troppo difficile. Vivono nello stesso quartiere da sempre, il mondo per loro è un miraggio. . Ad annoiarsi di più è quello chiamato “Il Professore” perché per tutta la sua carriera lavorativa ha insegnato latino in un liceo. Poi c’è Giorgetto, la cui pensione è talmente misera che spesso a fine mese deve tirare la cinghia. Infine c’è il pittoresco Attilio, un robivecchi fricchettone alla ricerca di tutte quelle emozioni e quelle meravigliose avventure che ha vissuto negli anni d’oro della gioventù.

Ad accomunarli è la ferma decisione di dare una svolta alla loro vita. Ci riusciranno? Certo che sì, anche se non esattamente come si aspettavano. Ma la morale del film è sicuramente questa: non si è mai troppo vecchi per cambiare la propria esistenza.

Photo Credits: Ufficio Stampa Cittadini del Mondo, Viviana Ronzitti.

 

Commenti

commenti