Alessandro Siani torna sul set: Ana Caterina Morariu è la protagonista

Alessandro Siani tornerà sul set nelle vesti di regista a maggio – dopo il successo de Il Principe Abusivo che è rimasto nella top ten dei film più visti per diverse settimane incassando quasi quindici milioni di euro – con una pellicola che uscirà il prossimo Natale. Secondo quanto riporta l’Asca la protagonista femminile sarà Ana Caterina Morariu e con lei ci sarà anche Serena Autieri nel ruolo della sorella di Siani. Piano piano il cast sta prendendo forma. Sarà una storia genuina che verrà girata in una città di provincia, probabilmente sulla Costiera Amalfitana. Il film – prodotto dalla Cattleya e distribuito dalla 01 Distribution/Raicinema – è stato scritto dallo stesso Alessandro insieme a Gianluca Ansanelli e con la collaborazione di Fabio Bonifacci: “L’unica cosa certa è che non sarà una commedia volgare: sto sempre attento a non dire parolacce nei miei film, si può far ridere senza bisogno di trivialità”, ha dichiarato qualche mese fa.

La Morariu ha partecipato a numerose fiction, ma il primo ruolo davvero importante è stato al cinema nel film diretto da Carlo Verdone Il mio miglior nemico (2006), grazie al quale ha ottenuto una candidatura ai David di Donatello come Miglior attrice protagonista (statuetta vinta poi da Valeria Golino). “Il mio miglior nemico di Carlo Verdone è stato un grande dono per me, essere diretta da Carlo in scena mi ha riempito il cuore di gioia… E’ un vero grande artista, regista, che ama gli attori ed è molto generoso”, ha dichiarato qualche tempo fa.

Certamente però l’attrice rumena è diventata famosa grazie alla partecipazione nella fiction Squadra Antimafia 5 (e sarà presente anche nella sesta stagione in onda prossimamente su Canale 5) nel ruolo del vicequestore Lara Colombo. I commenti riguardo il suo personaggio non sono stati molto positivi, in quanto nuova fiamma di Calcaterra (interpretato da Marco Bocci) al posto di Rosy Abate (l’amatissima Giulia Michelini), ma il pubblico l’ha apprezzata ugualmente. Come andrà col nuovo film di Siani?

Foto by LaPresse/Claudio Bernardi

Commenti

commenti