Cannes 2018: l’Italia tifa per Matteo Garrone e Alice Rohrwacher

E’ quasi tutto pronto per la 71 esima edizione del Festival di Cannes 2018. Sono tante le novità e le nuove regole (anche molto severe) che interesseranno la kermesse cinematografica che inizierà il prossimo 8 maggio. Tra le sorprese più grandi per l’Italia troviamo i film di Matteo Garrone e Alice Rohrwacher in concorso.

Quasi tutto pronto per la 71 esima edizione del Festival di Cannes, che prenderà avvio il prossimo 8 maggio. Sarà un festival diverso rispetto agli altri anni, in cui il direttore della kermesse Thierry Frémaux ha voluto riportare una certa sacralità, mettendo al bando i film Netflix dal concorso (LEGGI ANCHE: ESCLUSI I FILM NETFLIX, ECCO IL MOTIVO) e i selfie durante il red carpet.

Oltre le nuove regole (anche molto severe) istituite per questa edizione, ci sono grandi speranze per il nostro paese che tifa per i due film italiani in concorso: Dogman di Matteo Garrone e Lazzaro felice di Alice Rohrwacher. Il film di Garrone, famoso al grande pubblico per Gomorra – il film, è ispirato alla storia di cronaca nera del “canaro” della Magliana, vicenda violentissima della Roma anni Ottanta. Edoardo Pesce interpreta un pugile dilettante che viene attirato nel negozio di toelettatura per cani e viene ucciso dal canaro, interpretato da Marcello Fonte. Lazzaro felice, invece, porta a Cannes un cast importante, tra i protagonisti troviamo Nicoletta Braschi, Adriano Tardioli, Luca Chikovani, Alba Rohrwacher.

Un grande risultato questo per l’Italia contando che nella scorsa edizione nessun film italiano era arrivato in concorso, c’era solo il film di Sergio Castellitto con Jasmine Trinca che però era presente nella sezione Un Certain Regard. Il festival sarà aperto dal film Todo lo Saben con Javier Bardem e sua moglie Penélope Cruz, che in coppia hanno lavorato al film del regista iraniano Ashgar Farhadi (LEGGI ANCHE: PENELOPE CRUZ E JAVIER BARDEM APRONO LA RASSEGNA).

Cannes 2018: l'Italia tifa per Matteo Garrone e Alice Rohrwacher

Photo credits Facebook

 

Commenti

commenti