Gomorra 4: ritorna Salvatore Conte?

La quarta stagione di Gomorra è in fase di scrittura, come ha rivelato qualche settimana fa lo scrittore Roberto Saviano. I fan sperano per la nuova stagione il ritorno di due grandi personaggi Ciro Di Marzio e Salvatore Conte. Ma sarà davvero così?

Gomorra è diventata in poco tempo una delle serie tv italiane più seguite e amate, la terza stagione ha visto però la fine di uno dei personaggi centrali della storia, Ciro Di Marzio. Alcuni fan ipotizzano e sognano il ritorno de L’Immortale soffermandosi su un dettaglio importante: mentre Ciro viene ripreso dalle telecamere affogare nelle acque del Golfo di Napoli, dalla bocca sembrano uscire delle bolle. Che Ciro non sia morto davvero?

Le speranze dei fan non state subito demolite da uno dei produttori della serie che ha dichiarato che il personaggio interpretato da Marco D’Amore è uscito definitivamente del racconto. Ma i fan non si sono fermati qui. Altri vorrebbero il ritorno di un altro grande protagonista: Salvatore Conte. Il boss, interpretato dall’attore Marco Palvetti, entra nel giro di spaccio di droga di Savastano e viene ucciso nel corso della seconda stagione e lasciato morire all’interno della chiesa da lui stesso fatta costruire.

Il dettaglio che fa ben sperare sul ritorno di Don Salvatore Conte è il mancato funerale del camorrista oppure la presenza di una lapide, come è successo per Pietro Savastano. Conte secondo alcuni sarebbe stato salvato da un frate dopo l’attentato e dopo l’accaduto si sarebbe rifugiato all’estero. Sarà vero? Ovviamente dai produttori di Gomorra non trapela nulla ma fino all’uscita della nuova stagione, proviamo a giocare ancora un pochino con la fantasia. E con la fantasia gioca chi su Facebook sta facendo girare dei poster su probabili film dedicati proprio a Ciro e Conte. Che la produzione abbia idea di trasformare Gomorra anche in un successo da mostrare sul grande schermo?

LEGGI ANCHE: GOMORRA, CIRO È MORTO DAVVERO: LA RIVELAZIONE DELL’AUTORE

Gomorra 4: ritorna Salvatore Conte?

Photo credits Facebook

Commenti

commenti