Marco D’Amore: Il grande successo dopo Gomorra

Marco D’Amore è uno degli attori italiani più apprezzati degli ultimi tempi. La sua partecipazione nel cast di Gomorra, sta portando l’attore al grande successo. Il suo personaggio Ciro Di Marzio l’Immortale, resta nella memoria degli amanti della serie tv di Sky.

Marco D’Amore è ad oggi uno dei più amati attori italiani, grazie soprattutto al ruolo da lui interpretato in Gomorra, quello di Ciro Di Marzio, detto l’Immortale. La morte di Ciruzzo però ha completamente sorpreso il pubblico affezionato alla serie tv di Netflix, tanto da sperare in un suo ritorno nella quarta stagione. Ritorno però smentito da uno degli autori della serie.

D’Amore ha conquistato anche un posto tra gli ospiti nel programma di Rai 1 di Roberto Bolle, Danza con Me, che andrà in onda questa sera 1 gennaio 2018 in prima serata. “Marco D’Amore è considerato la mia nemesi. Il pubblico ci guarda e pensa che figure più distanti non possano esistere. Siamo agli antipodi, noi, che pur calcheremo insieme uno stesso palco”. Così Roberto Bolle presenta uno degli ospiti nel suo show, tra danza e spettacolo.

Intanto D’Amore è anche reduce dal successo dello spettacolo teatrale American Buffalo che lo ha visto impegnando durante la messa in onda di tutte le puntate della terza stagione di Gomorra. Celebre rimarrà la sua poesia che ha recitato come saluto per il suo personaggio, che abbia visto annegare nelle acque di Napoli dopo esser stato ucciso da Genny. Saluto che riecheggia come un messaggio per i camorristi: “Pentitevi”.

“Vuie ca state mmiezz’e diente…

Vuie ca state mmocc’a Lupa,

Vuie ca nun vedite cchiù nè ghiuorno né notte…

ma sulo o cannarone apierto, scuro comm’a pece ca ve tira a’ffunno…

fino o primme giro de’budelle…

Pentitevi… facite na preghiera… l’anema mettite a luogo e salvazione…

Sta bbestia, sta Lupa, secca e avara

he trasuta e sicco e s’he misa e chiatto

dint’a tutt’e case d’a città…

s’è assettata a capotavola

eallà cummanna…fa sta zitte…fa parlà…

a tutte sparte sanghe e mmenesta,

pisciazza, cuttone mmocca, merda,

nu popolo e surdate sta criscenne

cu ll’ogne fatte a punta di coltello…

infanzia, adolescenza, viecchie cu e capille ianche

criature senza capa e senza cosce,

sulo cu e mmane, mane armate,

mane ca vottono o terreno dint’all’uocchie,

ca bucano o sole e a luna.

Guardate, sti criature ntussecus comm’a guappo.

Che ponno tenè? Duie, tre anni?

Zompan’e nuvole e sparan, pah!

Sparan mmocc, sparan dint’e vene giugularie,

Sparano sempe e sulo a chi tene o core.

Scetateve. Io vi dico. Scetateve. Scetateve”.

(Tratto da: Ragazze sole con qualche esperienza Enzo Moscato).

Marco D'Amore: Il grande successo dopo Gomorra

Photo credits Facebook

Commenti

commenti