Narcos 3 è su Netflix: anticipazioni e promo Saviano [VIDEO]

Oggi, venerdì 1° settembre 2017, su Netflix è stata pubblicata l’intera terza stagione di Narcos, la popolare serie tv che nelle prime due stagioni ha raccontato l’ascesa e la caduta di Pablo Escobar (interpretato dall’attore Wagner Moura). Cosa succederà ora dopo la sua morte? Il Cartello di Cali prenderà il dominio del mondo del narcotraffico sudamericano, guidato da quattro potenti padrini. Ecco tutte le anticipazioni sulla terza stagione di Narcos…

Il grande giorno è arrivato: nella giornata di oggi, venerdì 1° settembre, su Netflix è stata caricata l’intera terza stagione di Narcos, la serie tv che nelle prime due stagioni aveva raccontato l’ascesa e la caduta di Pablo Escobar (interpretato dall’attore Wagner Moura). Il terzo capitolo si soffermerà invece sullo scenario che si andrà a comporre dopo la sua morte, giunta nell’ultimo episodio della Season 2. A raccogliere l’eredità di Pablo Escobar non sarà una sola persona…

Alla guida del Cartello di Cali, che prenderà il dominio del mondo del narcotraffico sudamericano, ci saranno infatti quattro potenti padrini: Gilberto Rodriguez Orejuela (interpretato dall’attore Damian Alcazar), il leader del cartello e “Capo dei Capi”, Miguel Rodriguez Orejuela (Francisco Denis), fratello di Gilberto e suo braccio destro più fidato, Pacho Herrera (Alberto Ammann), l’addetto ai contatti internazionali e Chepe Santacruz Londono (Pepe Rapazote), il gancio con la città di New York.  A combatterli ci sarà ancora una volta in prima linea l’agente Javier Peña (interpretato dall’attore Pedro Pascal, al quale sarà affidata anche la voce narratrice), rimasto ‘orfano’ del suo socio Steve Murphy (interpretato dall’attore Boyd Holbrook) ma promosso ai vertici della DEA.

In occasione della pubblicazione della terza stagione della serie tv Narcos, Netflix nelle scorse ore ha diffuso un video in cui lo scrittore Roberto Saviano racconta che in soli 30 secondi il narcotraffico produce 1.1 kg di cocaina e fattura 570mila dollari.

Photo credits: Twitter

Commenti

commenti