Andrew Garfield shock: “sono un gay non praticante”

Durante la promozione della piece teatrale di Angels in America il cadidato agli Oscar Andrew Garfield ha dichiarato che non esclude la possibilità di una relazione omosessuale nella sua vita.

Dove aver sfiorato la possibilità di vincere un Premio Oscar per la sua splendida interpretazione in  La battaglia di Hacksaw Ridge, pellicola di Mel Gibson presentata in anteprima alla scorsa Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, Andrew Garfield è stato scelto come protagonista della piece teatrale vincitrice di un Premio Pulitzer Angels in America.

Proprio durante la promozione dello spettacolo l’attore, interprete di numerose pellicole di successo ed ex Spiderman del grande schermo prima dell’arrivo di Tom Holland, ha rilasciato una dichiarazione che ha lasciato di sasso tutti i suoi ammiratori e soprattutto le sue ammiratrici: Sono un uomo gay che non pratica l’atto sessuale, tutto qui. Magari più in là mia esistenza scoprirò un nuovo lato di me, e sono sicuro che sarà bellissimo e che lo esplorerò, ma per ora resto fedele alla mia area, che è ugualmente molto interessanre.”

Che queste parole siano un modo per tendere una mano alla comunità LGTB (e per pubblicizzare la piece di cui è protagonista) o siano un reale semi coming out dell’attore non è dato saperlo ma sta di fatto che in in questo momento politicamente molto particolare dell’America il fatto che una star del calibro di Garfield abbia messo in discussione la sua eterosessualità pubblicamente e abbia definito “bellissima” la sola possibilità di esplorare il suo lato gay è un atto davvero importante.

Inoltre proprio nella piece Angels in America di Tony Kushner l’attore veste proprio i panni di un ragazzo gay affetto da AIDS, che a causa di questa malattia si allontana dal suo compagno, interpretato da James McArdle.

Photo Credits: Getty, Sony Marvel

Commenti

commenti