Festival di Cannes: 70 anni di cinema e glamour

Inizia oggi l’edizione 70 del Festival di Cannes, ecco alcune curiosità sulla kermesse cinematografica più importante del mondo.

Inizia oggi, 17 maggio, l’edizione numero 70 del Festival di Cannes che vede come madrina, per la seconda volta dopo il 2003, l’italianissima Monica Bellucci. Per festeggiarsi, inoltre, la kermesse ha deciso di cambiare look al premio più ambito, ovvero la Palma d’Oro, che per l’occasione sarà in oro puro e decorata con 167 diamanti.

Il Festival di Cannes è nato nel 1946 per competere proprio con la nostrana Mostra del Cinema di Venezia. Da allora, sono state consegnate ben 57 Palme d’Oro. Non è stato sempre facile organizzare un evento di tale portata per la piccola cittadina francese: in queste 7 decadi, il Festival di Cannes è stato cancellato quasi 4 volte: nel 1939, quella che doveva essere la prima edizione fu rimandata a causa della guerra, le edizioni del 1948 e 1950 sono state sospesa per mancanza di fondi e nel 1968 c’è stata una versione più modesta della manifestazione a causa dei moti studenteschi che quell’anno hanno paralizzato la Francia.

Il 1955 è l’anno in cui è stata attribuita la prima Palma d’Oro e da allora sono gli USA a detenere il record di premi con ben 16 “statuette” all’attivo. Seconda la Francia con 10, seguita dall’Italia (9), UK (8) e Giappone (3). Per quanto riguarda i registi premiati sono 8 in hanno avuto l’onore di ricevere durante la loro carriera ben 2 Palme d’Oro e tra questi spiccano Francis Ford Coppola e il giapponese Shōhei Imamura.

Con un’affluenza da sempre molto internazionale e di nicchia, il Festival di Cannes è da sempre emblema e sinonimo di cinema e glamour. Lo scorso anno, grazie ai 4.500 giornalisti e le migliaia di visitatori, la popolazione della cittadina francese è cresciuta dai 74 a circa 200 mila persone. Parlando di glamour non si può non menzionare lei: Brigitte Bardot, che nel 1953 ha posato in bikini davanti a fotografi sulla spiaggia del Carlton Hotel, è uno dei primi momenti più iconici legati al Festival. Quel costume da bagno ai tempi scandaloso, è diventato un outfit balneare irrinunciabile e più alla moda che mai.

A proposito di scandali, la Palma d’Oro vinta da Fellini con l’intramontabile La Dolce Vita nel 1960, è stata accolta con clamore dal pubblico ma estremo sconcerto dalla Chiesa Cattolica. In Spagna, è stata addirittura vietata la proiezione fino alla morte del dittatore Franco nel 1975. Gli italiani a Cannes hanno sempre fatto discutere: basti pensare che nel 1978 Claudia Cardinale ha passeggiato sulla spiaggia con un leopardo per promuovere Il Gattopardo di Luchino Visconti e nel ’98 Benigni ha baciato i piedi di Martin Scorsese nel ritirare Grand Prix per La Vita è Bella.

Cannes è spesso stato anche terreno di controversie: nel 2002 sono stati circa 250 gli spettatori che hanno abbandonato la sala alla prima di Irreversible. Il motivo? La scena dello stupro subito da Monica Bellucci e di altre scene violente hanno causato l’indignazione del pubblico. Oltre a quelli drammaticità Canne è stata teatro anche di momenti divertenti in grado strapparci più di un sorriso. La maggior parte l’abbiamo vista sui 24 “gradini della gloria” coperti dai 60 metri di red carpet che contraddistinguono il Festival. Nel 2015, ad esempio, dieci anni dopo l’incidente del seno scoperto, Sophie Marceau ha mostrato accidentalmente le mutande mentre sale le scale. Ballerine proibite? Nessun problema per Julia Roberts, che l’anno scorso sceglie di percorrere il red carpet a piedi nudi.

Poche donne a Cannes? In effetti è così. Solo 10 donne sono state Presidenti di Giuria (unica italiana Sofia Loren nel ‘66), contro ben 55 uomini. La prima e unica donna a vincere la Palma d’Oro è stata Jane Campion nel 1993, con la pellicola Lezioni di Piano. Le controversie non finiscono qui: la locandina di questa edizione presenta una foto di Claudia Cardinale visibilmente photoshoppata. A proposito di femminismo….

Photo Credits: Stylight

70-anni-di-Cannes-Infografica-Stylight

Commenti

commenti