Rai Fiction: le novità in arrivo

La direttrice di Rai Fiction ha parlato durante la sua ospitata a Dopofiction, del successo delle serie TV e di quelle che vedremo e rivedremo a breve sulle reti nazionali.

Durante la puntata di ieri – 13 aprile – di Dopofiction, trasmissione della seconda serata del giovedì sera di Rai 1 condotta da Flavio Insinna, Nino Frassica e Nathalie Guetta, la direttrice di Rai Fiction Tinny Andreatta ha svelato al pubblico alcune anticipazioni sulle prossime serie tv che vedremo in quel del palinsesto Rai, affatto avaro di grandi ritorni per amatissimi show che hanno avuto un grande successo di ascolti su tutte e tre le principali reti della televisione pubblica.

Tra le fiction di maggior successo che hanno tenuto i telespettatori attaccati allo schermo, spiccano senza dubbio I Medici, produzione internazionale che proseguirà con una seconda stagione; Il Commissario Montalbano, che per la Andreatta è da considerare “un grande classico da vedere e rivedere”; La mafia uccide solo d’estate di Pif  che, ha sottolineato sempre la stessa Andreatta, “è stata in grado di raccontare in modo dissacrante la mafia” e che – ha aggiunto Frassica da membro del cast – tornerà il prossimo anno con nuovi episodi; Il Commissario Schiavone,  La porta rossa e I Bastardi di Pizzofalcone che la direttrice di Rai Fiction ha descritto come un “racconti di una Napoli totalmente inedita che, anche in questo caso, proseguirà per una la seconda serie”.

Tinny Andreatta, inoltre, ha anche colto l’occasione per presentare durante Dopofiction le prossime serie in programma sul palinsesto Rai dove, dalla prossima settimana, arriveranno su Rai Uno Di padre in figlia e Tutto può succedere 2. Quella che si sta chiudendo per la Fiction Rai è stata davvero un’annata di grandi successi che la Andreatta vuole chiudere nel migliore dei modi con una serie tv del calibro di Maltese  -che racconterà la storia di un commissario della Trapani degli anni ’70 – che vede come protagonista principale Kim Rossi Stuart e andrà in onda a maggio.

Photo Credits: Rai

Commenti

commenti