L’attore Jay Bowdy si è tolto la vita in diretta Facebook

Il giovane attore statunitense Jay Bowdy si è tolto la vita in diretta Facebook. Le accuse di violenza sessuale erano state troppo per lui e pensava che gli avrebbero chiuso le porte di Hollywood

Lui era Jay Bowdy un giovane e promettente attore americano che da poco si era trasferito nei dintorni di Hollywood nella sua carriera ha preso parte ad alcune miniserie come The Hit: Deadly Pursuit e anche Murder Book, aveva girato il lungometraggio Flochness e secondo Imdb era già stato contattato per girarne altri 2. La sua vita però non stava andando nel verso sperato, infatti nelle scorse settimane è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale. L’attore è stato rilasciato sotto cauzione e lunedì scorso durante una diretta Facebook ha annunciato che si sarebbe tolto la vita, qualche minuto dopo, sempre nel corso della diretta ha preso una pistola, se l’è puntata alle tempie e ha premuto il grilletto davanti ai suoi fan. Un familiare di Jay era collegato e stava seguendo lo streaming ed ha subito contattato la Polizia di Los Angeles, che ha subito trovato il corpo senza vita dell’attore. Ovviamente il video è stato subito rimosso dalla pagina ufficiale di Jay.

Secondo quello che riportano le fonti americane il ragazzo si trovava in macchina, si trovava nella zona nord di Hollywood quando ha commesso l’estremo gesto, lui che era arrivato lì perchè sperava di veder crescere la sua carriera, invece si è trovato prima invischiato con l’arresto per violenza sessuale e dopo questo non ha retto e ha deciso di farla finita davanti le persone che lo seguivano in diretta su Facebook. Jay era sposato e quindi lascia la moglie con sei bambini.

Commenti

commenti